I sostituti in cucina, alleati di una dieta sana ed equilibrata.

I sostituti in cucina, alleati di una dieta sana ed equilibrata.

I sostituti in cucina, alleati di una dieta sana ed equilibrata.

Vivere bene e in modo sano inizia a tavola con l’attenzione alla dieta, tenendo sotto controllo il peso ed evitando l’assunzione di alimenti non in linea con il proprio benessere psicofisico.
Una dieta sana ed equilibrata porta benefici, oltre che al nostro organismo, anche alla nostra psiche.
Sempre più persone prestano attenzione a seguire un’alimentazione equilibrata, consapevoli che cattive abitudini a tavola influiscono su diversi aspetti che non riguardano solo ed esclusivamente la linea, ma il benessere in generale.

Ma chi ha detto che una dieta sana, leggera ed equilibrata significa rinunciare al gusto?

 

Spesso il gusto viene associato ad alimenti ricchi di grassi, sale e zuccheri. In realtà in cucina esistono tanti alleati, ricchi di sapore, che ci aiutano ad alimentarci meglio senza troppe rinunce, sostituti degli ingredienti più comunemente usati il cui abuso può portare a danni alla nostra salute fisica e al benessere quotidiano.
Vediamo insieme alcuni di questi alimenti e le possibili alternative.

Lo zucchero

Lo zucchero bianco raffinato deve essere consumato con molta parsimonia a causa della sua altissima percentuale di saccarosio, circa il 99,8%.
Gli Italiani consumano 27 chilogrammi di zucchero all’anno, circa 70 grammi al giorno. Le linee guida redatte dall’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomandano una riduzione di tali quantità a meno del 5% del fabbisogno calorico totale giornaliero che corrisponde a 25-30 grammi di zucchero. 
Il consumo di zucchero favorisce l’obesità, sia per l’eccessivo contenuto calorico, sia perché l’insulina stimola la produzione di grassi. Inoltre indebilisce ossa e denti, favorendo la comparsa di carie. L’abuso di zucchero è anche correlato al malessere psichico, favorendo depressione, ansia e sbalzi d’umore.

 

Sostituire lo zucchero raffinato è uno dei primi passi da fare verso una sana alimentazione.

Lo sciroppo d’acero è il sostituto ideale dello zucchero. Ha un potere dolcificante superiore del 25%, con meno calorie: una media di 261 kCal per 100 grammi contro i 395 kCal dello zucchero tradizionale.
Contiene un’elevata percentuale di sali minerali come potassio, magnesio, calcio e ferro, vitamine, composti fenolici e antiossidanti e ha un basso indice glicemico (54 rispetto ai 65 dello zucchero raffinato).

Con il suo effetto depurativo aiuta a eliminare i liquidi in eccesso e contribuisce a far bruciare più rapidamente i grassi.

Indicato sia per i vegani che per gli intolleranti al glutine, è un vero e proprio amico della salute. Aiuta a contrastare gonfiore e ritenzione idrica, è usato come integratore naturale per depurarsi, attiva il metabolismo, è un’arma naturale contro l’invecchiamento cellulare grazie ai ben 24 diversi antiossidanti presenti, fornisce sali minerali e zuccheri semplici, utili per chi fa sport e ha bisogno di un’immediata disponibilità di risorse a rapido assorbimento.
Svolge una funzione protettiva per stomaco e intestino, aiuta in caso di anemia, dato l’alto contenuto di ferro e grazie al calcio contribuisce a rafforzare denti, unghie e capelli, mentre il magnesio è un supporto nel placare gli stati d’ansia e di nervosismo.

Lo sciroppo d’acero quindi costituisce un’ottima alternativa allo zucchero e può essere utilizzato in svariati modi, ad esempio per dolcificare bevande calde o fredde, come integratore naturale dopo lo sport, magari con yogurt e frutta fresca, nelle preparazioni di pasticceria, ma anche nelle preparazioni salate per dare loro una nota dolce.

Scopri tutte le varianti di Puro sciroppo d’acero MapleFarm.

Il sale

Il sale è il principale insaporitore alimentare, utilizzato sia nelle preparazioni salate che in quelle dolci. Un consumo eccessivo di sale, superiore ai 5 g al giorno, può essere davvero nocivo.
Ogni grammo di sale contiene circa 0,4 g di sodio. In condizioni normali un adulto ha bisogno di 100-600 mg di sodio al giorno, pari a circa 0,25-1,5 grammi di sale. La dieta degli italiani apporta in media quasi 12 grammi di sale al giorno, superando di dieci volte le reali necessità.
Assunto in eccesso il sale è nemico della nostra salute e può essere responsabile di malattie come ipertensione e osteoporosi, oltre che l’abuso di sale nella dieta quotidiana causa l’aumento di peso e di ritenzione idrica, favorendo infatti il gonfiore e l’accumulo dei liquidi.

Sostituire il sale in cucina, senza rinunciare a gusto e sapidità è possibile.

Le spezie e le erbe aromatiche sono particolarmente indicate in sostituzione del sale, donando un sapore e un profumo deciso alle preparazioni che non fa notare l’assenza del sale.

Le spezie in particolare, oltre che contribuire a insaporire le pietanze, apportando notevoli benefici al nostro organismo.

Solo per citarne alcune, lo zenzero, ad esempio, risulta ottimale nella sostituzione del tradizionale sale da cucina per il suo gusto pungente, perfetto come condimento per le insalate. Inoltre possiede proprietà disinfettanti e antiinfiammatorie.

La curcuma, che con il suo sapore e il suo colore decisi dona una marcia in più ai vostri piatti, è un ottimo antiossidante, ha proprietà antiinfiammatorie e antidolorifiche.

E per citarne ancora una la paprika, particolarmente apprezzata dagli amanti della cucina mediorientale , con il suo sapore deciso è in grado di trasformare anche il piatto più semplice in una preparazione gourmet. Inoltre possiede proprietà toniche, stimola l’apparato digerente e facilita la digestione.

Il burro

Il burro è un alimento molto utilizzato in cucina sia per ricette dolci che salate.
Un suo consumo eccessivo, essendo costituito prevalentemente da grassi, può contribuire a determinare problematiche quali obesità, ipertensione, problemi cardiaci e diabete.

La scelta di sostituirlo con ingredienti più delicati e digeribili è sempre più diffusa non solo tra chi soffre di intolleranze, specie al lattosio, o non riesce a digerirlo, ma anche da chi segue un’alimentazione vegana o più semplicemente desidera cucinare piatti più leggeri e salutari.

L’olio rappresenta probabilmente l’ingrediente che meglio si presta alla sostituzione del burro sia nelle ricette salate che in quelle dolci.
Data la diversa composizione, le dosi da utilizzare devono essere differenti: 100 grammi di burro si possono sostituire con 80 ml di olio circa e nei dolci si può scendere fino a 60-70 ml per renderli ancora più leggeri.

C’è da considerare che l’olio extravegine d’oliva ha un sapore intenso e deciso, risulta quindi maggiormente indicato nelle preparazioni salate.

L’olio di semi, dal sapore più neutro, è preferibile da utilizzare nelle preparazioni di pasticceria, non altera il sapore e consente di ottenere dolci ancora più soffici e morbidi dal piacevole gusto delicato.

Un’alternativa molto utilizzata da chi segue una dieta vegana è l’avocado. Bastano 60 grammi di polpa di avocado per sostituire i classici 100gr di burro.
L’avocado ha una consistenza molto burrosa e, grazie all’alto contenuto di grassi essenziali utili per abbassare il colesterolo è un’ottima risorsa energetica che può essere bruciata dall’organismo velocemente.
Si presta quindi nella sostituzione del burro sia nelle ricette salate che in quelle dolci: il sapore è piuttosto delicato, quindi si adatta facilmente a diverse preparazioni.

Nelle preparazioni da forno come biscotti e cookies, è possibile sostituire il burro con il burro di arachidi: 60 grammi di burro di arachidi sostituiscono 100 grammi di burro e donano ai dolci un irresistibile aroma, molto amato nella cucina americana.
Il burro di arachidi è un alimento molto energizzante, che permette di integrare vitamine e amminoacidi nell’alimentazione vegetariana e, soprattutto, vegana.
É un ricostituente naturalmente calorico e privo di colesterolo. Contribuisce all’equilibrio del colesterolo HDL/LDL (colesterolo buono e cattivo) e quindi alla buona salute del sistema cardiovascolare.
Inoltre, il contenuto di folati, rende il burro di arachidi un antiossidante naturale. Scopri il Puro burro di arachidi MapleFarm nella versione Creamy o Crunchy.

Le uova

Le uova sono un alimento completo ricco di diverse vitamine e minerali come calcio, ferro e fosforo e sono un’ottima fonte di proteine, per questo non devono mancare in una dieta sana ed equilibrata, ma vanno consumate con moderazione perché contengono molto colesterolo.

L’abuso comporta un eccesso proteico poco salutare per l’organismo, perché sovraccarica il lavoro di fegato, reni e stomaco. Inoltre, le uova sono ricche di lipidi, tra cui i grassi saturi, che devono essere temuti anche più del colesterolo presente negli alimenti. Assumerne troppi può infatti far aumentare i livelli di colesterolo e, quindi, il rischio cardiovascolare.

Può sembrare un’impresa ardua sostituire le uova dato che sono utilizzate sia per legare tra loro gli ingredienti che come agente lievitante, oltre che dare sapore alle ricette.
In realtà è possibile sostituirle in diversi modi e con vari ingredienti.

La banana è uno dei sostituti dell’uovo più utilizzato nei dolci come muffin, torte e plumcake. Mezza banana schiacciata per ogni uovo previsto in ricetta fa da legante e rende gli impasti molto soffici. Sarà necessario ridurre il quantitativo di dolcificante nella ricetta, soprattutto se si usa una banana particolarmente matura.
Ma la banana non è l’unico frutto che può sostituire le uova: da provare anche la purea di mele che grazie alla pectina, è in grado di legare gli impasti.
La mela, così come la banana, tendono ad avere un sapore predominante quindi meglio usarle nei dolci a base di frutta o, se si vuole coprire il sapore, associarle a degli ingredienti dal gusto forte come il cioccolato.

Per legare invece le ricette salate come polpette o polpettoni basta aggiungere patate o legumi bolliti e schiacciati oppure riso o miglio semplicemente scolati.

L’aceto di mele o il succo di limone sostituiscono le uova, quando queste devono far gonfiare e lievitare gli impasti.
Basta aggiungere al lievito un cucchiaino di aceto o di succo di limone e un pizzico di bicarbonato, mescolare e infornare subito.

Se invece si vogliono preparare delle deliziose meringhe si piò usare l’aquafaba, l’acqua di cottura dei ceci, che ha le stesse caratteristiche dell’albume.
Una volta montata, si comporta proprio come gli albumi, grazie alle proteine in essa contenute molto simili all’albumina.
Il sapore dei ceci non si avverte quindi oltre a essere un sostituto degli albumi per le ricette dolci, come appunto le meringhe, con l’acquafava si può preparare una gustosa maionese montandola con un filo l’olio di semi di girasole, il sale e il succo di limone.

Il cibo rappresenta una delle gioie più grandi della nostra vita, con qualche alleato e utilizzando qualche piccolo trucco in cucina possiamo alimentarci in modo più sano e leggero senza rinunciate al piacere del gusto.

Carnaval de Québec: tra i 10 carnevali più insoliti al mondo

Carnaval de Québec: tra i 10 carnevali più insoliti al mondo

Carnaval de Québec: tra i 10 carnevali più insoliti al mondo

Riconosciuto come il più grande carnevale invernale del mondo, il Carnaval de Quebéc si festeggia a Quebec City, la capitale mondiale della neve, tra la fine di gennaio e la metà di febbraio.

Virtù sciroppo d'acero

La caratteristica che lo rende uno dei più insoliti al mondo è che tutti i festeggiamenti e le manifestazioni si tengono sulla neve o sul ghiaccio, dato che le temperature in questo periodo in Canada possono raggiungere -30C°.

Una tradizione di Carnevale che dura da oltre un secolo

Celebrato per la prima volta nel 1894 tra Natale e la Quaresima quando, alle prese con la rigidità dell’inverno, la popolazione cercava un modo per riscaldare i propri cuori.
Interrotto dalle due guerre mondiali e dalla Grande Depressione del 1929, nel 1954 un gruppo di imprenditori decise di rilanciare i festeggiamenti per promuovere la ripresa economica della Vecchia Capitale.

La prima edizione ufficiale del carnevale invernale del Québec si tenne nel 1955, diventando un appuntamento fisso nell’inverno canadese.
Come mascotte dell’evento, fu scelto il Bonhomme Carnaval, un pupazzo di neve, simbolo della 
joie de vivre canadese.

Le strade innevate ospitano spettacolari performance, in particolare le due Night Parades, sfilate notturne con protagonista la star del carnevale, Bonhomme.

Non mancano poi competizioni sportive come le gare in canoa, il lancio delle asce o la corse con le slitte trainate dai cani. E per i coraggiosi, un bel bagno nella neve!

L’edizione 2021, la 67° della storia della manifestazione, sarà sicuramente diversa, ma non per questo meno divertente!
Il programma completo è stato adattato al livello di allerta per la pandemia emesso dal governo del Quebec.

Non mancheranno comunque un centinaio di sculture di ghiaccio esposte tra le strade della città e magnifiche torri alte 20 piedi a rappresentare il Palazzo di Bonhomme.
Un programma di manifestazioni a tema prenderà vita sul canale YouTube del carnevale e in linea con il tradizionale spirito goliardico, Bonhomme sfida i più coraggiosi alla VIRTUAL ST-HUBERT SNOW BATH CHALLENGE.
I più audaci si filmeranno immersi nella neve e dovranno poi pubblicare il video con #BainDeNeigeStHub su Facebook o Instagram.
In cambio Bonhomme farà donazioni a due organizzazioni a Quebec City.

Un Carnevale di gioia, calore e divertimento anche con cibo e bevande tradizionali.

Un immancabile del Carnevale invernale è il Maple Taffy, aka Tire d’érable, la quinta essenza dell’esperienza canadese.
Preparato versando lo sciroppo d’acero caldo sulla neve. Una volta raffreddato viene fatto roteare intorno a un bastoncino formando un dolcetto simile a un lecca-lecca.
È facile da preparare anche a casa: porta a ebollizione lo sciroppo d’acero e continua a mescolare per 10 minuti, toglilo poi dal fuoco e lascialo raffreddare finché smetterà di sobbollire.
Versa una piccola quantità di sciroppo su del ghiaccio tritato finemente: il taffy deve risultare denso, ma abbastanza elastico da poterlo avvolgere intorno a uno stecco per ghiaccioli.
A questo punto non ti resta che goderti questa meraviglia tutta canadese.

Per i più golosi ci sono poi le Beavertails, aka Queues de Castor frittelle a forma di coda di castoro guarnite con ingredienti dolci o salati.
Da provare con burro d’acero, cioccolato fuso e pancetta croccante.

Non mancano i piatti salati come la Poutine, patatine fritte ricoperte di formaggio e fondo bruno di vitello o la Soupe à l’Oignon: una base di pane ricoperto da saporito brodo caldo, cipolle caramellate e formaggio morbido. Il modo migliore per scaldarsi all’istante.

Ma a riscaldare le labbra e i cuori c’è la bevanda ufficiale del carnevale, il  Caribou, una miscela di vino rosso, whisky e sciroppo d’acero che può essere bevuta calda o fredda. Durante la manifestazione viene servita in originali bicchieri scolpiti nel ghiaccio.

Insomma il Carnaval de Québec è un’esperienza davvero da non perdere, speriamo di divertirci tutti insieme il prossimo anno!

Scopri tutte le nostre varietà di sciroppo d’acero e le altre specialità canadesi nel nostro shop online!

La colazione canadese: non solo pancake

La colazione canadese: non solo pancake

La colazione canadese: non solo pancake

Influenzata dalla tradizione anglosassone e americana, la cucina canadese porta su di sé un ampio bagaglio di influenze che vanno dalla cultura francese alle contaminazioni etniche passando per le tante varietà regionali. La colazione canadese non è da meno.

I piatti canadesi sono in genere sostanziosi e ricchi di sapore, ma spesso lontani dal tipico junk food americano: si combinano infatti con ottimi ingredienti di produzione locale, come frutta, verdura, carne e l’immancabile sciroppo d’acero, il vero “oro del Canada”.

La colazione canadese

La colazione tradizionale in Canada

In Canada la colazione prevede un mix di sapori dolci e salati, ma è in larga parte salata. Nutriente e ricca di calorie, per mancanza di tempo spesso viene saltata o ridotta al minimo nei giorni settimanali. Durante i fine settimana la colazione è invece un rito irrinunciabile, che a volte si trasforma in un sontuoso brunch con tutta la famiglia.

La tradizionale colazione canadese è varia e abbondante: comprende caffè – rigorosamente lungo – accompagnato da uova strapazzate, bacon e salsicce con patate fritte o arrosto, pane tostato, bagel, soffici pancake oppure waffle serviti con il super classico sciroppo d’acero locale oppure fragranti French toast, o, ancora, porridge (la classica zuppa di avena) e cereali consumati con il latte oppure yogurt e granola.

Il brunch è l’appuntamento classico della domenica, un ricco pasto a metà strada tra colazione a pranzo, in cui portate salate e portate dolci si combinano con carne o sandwich preparati con carne arrosto e verdure (oppure nella versione con carne affumicata, tipico di Montréal), formaggi e salmone affumicato.

In Canada si sente ancora oggi una forte tradizione francese, soprattutto nella regione francofona del Québec. Per questo, chi fa colazione fuori casa può trovare senza problemi anche golosi croissant al burro, crostate, pane tostato e confetture.

La colazione canadese

Alcune specialità tipicamente canadesi

La colazione canadese vanta delle specialità particolari, con varianti che si discostano dalla tradizione americana. Tra queste ci sono ad esempio:

  • Il pane di segale canadese: il Canada ospita sterminati campi coltivati a grano e segale che producono un pane di qualità eccellente, come il pane di segale “Canadian-style”, conosciuto per la sua consistenza soffice e leggera;
  • Il bacon canadese: dolce e saporito, a differenza del comune bacon viene prodotto dai lombi disossati del maiale, una parte meno grassa rispetto alla classica pancetta;
  • I bagel di Montreal: più piccoli e sottili rispetto ai famosi bagel newyorkesi, sono fatti con un impasto a base di malto e uova, senza sale, e dolcificati con miele;
  • Sciroppo d’acero: last but not least, di tutte le specialità canadesi è sicuramente la più iconica (il Canada è il primo produttore mondiale); apprezzato in ogni angolo del globo, è d’obbligo sui pancake caldi appena fatti, ma si sposa molto bene anche con una grande varietà di ricette salate.

Volete immergervi nell’atmosfera della tipica colazione canadese? Sul nostro sito potete acquistare lo sciroppo d’acero proveniente direttamente dal Québec canadese in tutte e quattro le varianti (Golden, Amber, Dark e Very Dark), oltre a puro burro di arachidi, burro d’acero e zucchero d’acero, preparati per pancake & waffle, per brownie e cookie, e tanto altro ancora (per entrare nel giusto mood sono appena arrivati anche i nostri oggetti di artigianato canadese, da non perdere!).

Scopri tutte le nostre varietà di sciroppo d’acero e le altre specialità canadesi nel nostro shop online!

Lo sciroppo d’acero e il furto del secolo in Québec

Lo sciroppo d’acero e il furto del secolo in Québec

Lo sciroppo d’acero e il furto del secolo in Québec

Definire lo sciroppo d’acero come “l’oro del Canada” può sembrare un modo di dire insolito, forse un po’ esagerato. Eppure, scoprendo meglio la cultura canadese, si comprende che è una definizione più che giustificata. Soprattutto dal momento che lo sciroppo d’acero è stato al centro del più grave furto mai commesso nella storia del Québec.

Ma andiamo per ordine. Perché lo sciroppo d’acero è così importante in Québec?

Virtù sciroppo d'acero

La riserva strategica dello sciroppo d’acero in Québec

Responsabile di oltre il 70% della produzione annua globale, il Canada detiene il primato di primo produttore al mondo di sciroppo d’acero. In particolare è la regione del Québec a vantare questa vocazione: qui lo sirop d’érable dà lavoro a oltre 12.000 persone e 7.300 aziende.

Lo sciroppo d’acero è un orgoglio non solo locale ma anche nazionale, una parte fondamentale della cultura canadese. È la ricchezza naturale per eccellenza del paese, talmente importante per cui è anche sulla bandiera del Canada: esso rappresenta la nazione stessa.

Una ricchezza naturale che vale la pena proteggere in una riserva strategica, nota come International Strategic Reserve (ISR). A seconda dell’annata, può succedere che la produzione ecceda la richiesta: diversi magazzini sparsi nella regione custodiscono i barili in eccesso prodotti ogni anno, che costituiscono la scorta mondiale di sciroppo d’acero.

A istituire la riserva strategica è stata la Federazione dei produttori di sciroppo d’acero del Québec (FPAQ), una sorta di cartello economico legale che esiste dal 1966 e che impone ai produttori associati restrizioni e controlli con lo scopo di stabilizzare i prezzi.

Per molti produttori questo è un sistema che funziona molto bene perché mantiene i prezzi bassi; non tutti però accettano di sottostare alle regole imposte dalla Federazione e invocano la libertà. Il conflitto tra chi è orgoglioso della Federazione e chi vorrebbe un mercato libero è proprio ciò che ha creato il presupposto per il colpo del secolo.

Riserva sciroppo d'acero

Il furto del secolo di sciroppo d’acero

Il 24 agosto del 2012 la Federazione dei produttori dello sciroppo d’acero del Québec denunciò di essere stata vittima di un crimine. Non si trattava di un delitto ma di un furto molto insolito: un furto di sciroppo d’acero. Da un magazzino di Saint-Louis-de-Blandford erano infatti stati rubati ben 9.561 barili, per un valore di oltre 18 milioni di dollari, il più grande furto mai verificatosi nella storia del Canada.

Fu così istituita una speciale squadra investigativa, con 250 agenti coinvolti e oltre 200 testimoni interrogati. Dopo mesi di lavoro la scoperta: lo sciroppo d’acero era stato travasato; i barili svuotati erano stati in parte riempiti di acqua, altri lasciati vuoti. Lo sciroppo rubato aveva quindi raggiunto il Vermont e il New Brunswick canadese per essere venduto a distributori ignari della provenienza.

A dicembre di quello stesso anno furono arrestati diciassette persone, di queste tre sono state dichiarate colpevoli e condannate a una pena esemplare: Richard Vallières, il boss della banda, a otto anni di carcere (destinati a diventare 14 se non pagherà la multa di 9,4 milioni di dollari), il complice Avik Caron a cinque anni e una multa di 1,2 milioni e Sébastien Jutras, il camionista che ha trasportato lo sciroppo rubato, a otto mesi di carcere.

Questo furto epocale di sciroppo d’acero ha colpito molto l’attenzione dei media diventando ispirazione per canzoni, podcast e programmi televisivi. Netflix gli ha dedicato una puntata della seconda stagione di Dirty Money, una entusiasmante docu-serie che esplora il mondo della corruzione aziendale e delle frodi. Guardatela e… inizierete a guardare in modo diverso lo sciroppo d’acero!

Scopri tutte le nostre varietà di sciroppo d’acero e le altre specialità canadesi nel nostro shop online!

Lo sciroppo d’acero nelle ricette salate

Lo sciroppo d’acero nelle ricette salate

Lo sciroppo d’acero nelle ricette salate

Il suo sapore sfaccettato è qualcosa che va ben al di là della semplice dolcezza: questo è probabilmente il motivo per cui lo sciroppo d’acero nelle ricette salate funziona così bene. Oltre a dolcificare, questo delizioso sciroppo naturale dona carattere e complessità a una vasta gamma di piatti, dagli antipasti ai contorni, dalla carne ai formaggi.

Diventa il tocco speciale nella preparazione di squisite marinature e glasse per la carne e il pesce. Unito all’olio d’oliva, all’aceto balsamico o alla senape, riesce a esaltare al meglio le verdure creando inaspettati effetti agrodolci. Regala un sapore più intenso a torte salate, bagel e bruschette per antipasti o brunch golosi ed è squisito abbinato ai formaggi.

Pochi altri ingredienti hanno la prerogativa di essere così deliziosi e versatili in cucina, con una sovrastruttura complessa e vincente di note di sapore. Limitarsi a utilizzarlo sui pancake è davvero un gran peccato: veniamo quindi agli impieghi dello sciroppo d’acero nelle ricette salate.

Scommettiamo che vi stupiremo?

Lo sciroppo d'acero nelle ricette salate

Lo sciroppo d’acero come condimento per le verdure

Chi ama mangiare sano senza rinunciare al gusto può sbizzarrirsi utilizzando lo sciroppo d’acero in una moltitudine di ricette salate a base di verdure. Abbinato a sale e succo di limone è perfetto per preparare deliziose verdure caramellate, utilizzando ad esempio carote, zucche, cavolfiore o broccoli.

Con senape, mostarda e salsa di soia diventa una gustosa glassatura per le carote al forno; può essere versato sui cavoletti di Bruxelles o con le chips di zucca al forno e dà forma a contorni originali a base di patate o cipolle (come vi abbiamo suggerito nella nostra ricetta delle patate in camicia e in quella delle cipolle rosse al cartoccio).

Lo sciroppo d’acero è un condimento sfizioso per le verdure in agrodolce o per le verdure grigliate, mescolato a olio, aceto balsamico, sale ed erbe aromatiche; amalgamato con olio d’oliva, succo di arancia, cipolla o prezzemolo, è perfetto per ravvivare insalate o verdure cotte al vapore.

Con torte salate, bagel e bruschette

Se volete portare in tavola un antipasto o un brunch saporito provate a giocare con i contrasti di sapore creando il giusto mix di dolce e salato: lo sciroppo d’acero vi viene in soccorso anche qui. Potete utilizzarlo nelle torte salate: ad esempio per far saltare gli asparagi per una appetitosa torta salata con asparagi allo sciroppo d’acero e prosciutto crudo.

Sciroppo d’acero, olio, sale ed erbe aromatiche mescolati insieme sono il giusto condimento per bruschette e crostoni di pane: provate con delle bruschette ai pomodorini confit, oppure per aromatizzare, a crudo, delle bruschette con gorgonzola e fichi, o ancora con formaggio caprino e menta.

Se per voi brunch vuol dire bagel, aggiungete lo sciroppo d’acero direttamente nell’impasto e nell’acqua di cottura e infine impiegatelo per rosolare il bacon o un uovo all’occhio di bue da accompagnare al vostro bagel (trovate la ricetta completa qui).

Torta salata agli asparagi e sciroppo d'acero

Lo sciroppo d’acero con la carne

Lo sciroppo d’acero è un condimento tipico della tradizione nord-americana che ama accostarlo alla carne: per marinare pollo, maiale e tacchino, come riduzione per glassare un arrosto o per preparare una stuzzicante salsa barbecue.

Per preparare una marinatura gustosa, vi basterà mescolare lo sciroppo d’acero con succo di limone, sale e pepe, olio extravergine di oliva e timo da aggiungere al pollo a tocchetti (come vi suggeriamo nella nostra ricetta qui). In alternativa, potete combinarlo con salsa di soia, olio d’oliva, succo di limone, aglio, rosmarino fresco e spezie a piacere (provate con un cucchiaio di curcuma e uno di cannella). Mescolato con l’aceto può essere aggiunto alla carne di pollo a fine cottura per conferire al piatto un sapore agrodolce.

Lo sciroppo d’acero dà il meglio di sé nelle glassatura della carne: grazie alla sua natura zuccherina, regala alla carne una doratura perfetta. Il consiglio è di spennellarlo sui tranci prima di passare la carne alla piastra. Potete utilizzarlo anche per glassare delle polpette di maiale a fine cottura, insieme a succo e scorza d’arancia e da sfumare con il cognac (vi insegniamo la procedura passo dopo passo qui) oppure passarlo sul bacon con un mix di senape di Digione e pepe di Cayenna per un risultato croccante e sfizioso.

Lo sciroppo d’acero può essere l’ingrediente speciale per preparare in casa una salsa barbecue memorabile, con cui accompagnare la carne cotta alla brace: otterrete un effetto agrodolce a regola d’arte unendo lo sciroppo d’acero a concentrato di pomodoro, aglio, aceto di mele, salsa di soia, senape, paprika e peperoncino.

Con il pesce

Tra i piatti che meglio si sposano con lo sciroppo d’acero la cucina canadese ci insegna che c’è anche il salmone, con cui far marinare i tranci in sale, pepe e succo di limone: con la cottura lo sciroppo d’acero regala al salmone una golosa crosticina leggermente dorata e un profumo molto invitante. Volete invece un piatto di ispirazione orientale? Preparate una glassa a base di salsa di soia, zenzero fresco, aglio e sciroppo d’acero, e spennellatelo sul salmone a fine cottura.

In alternativa al salmone, potete scegliere i gamberi, da saltare in padella sempre con sciroppo d’acero, sale, pepe, zenzero, paprika, burro ed erbe aromatiche oppure da marinare in un composto fatto con sciroppo d’acero, salsa tamari, aglio e pepe rosa.

Come se non bastasse, lo sciroppo d’acero può sostituire il miele con i formaggi (in particolare, combinato con la feta ne contrasta acidità e sapidità). È interessante con il tofu, con cui caramellarlo insieme a spicchi d’arancia, oppure da marinare in agrodolce.

Quelli che abbiamo visto fin qui sono solo alcuni dei possibili utilizzi dello sciroppo d’acero nelle ricette salate. Lasciando libero sfogo alla vostra fantasia in cucina, potrete sempre sperimentare piatti nuovi e inaspettati, e curiose combinazioni di sapori.

Risultati diversi anche a seconda del tipo di sciroppo d’acero che utilizzerete: nella varietà Dark o Very Dark per un gusto deciso, Gold o Amber per una sfumatura più delicata.

Non vi resta che sbizzarrirvi!

Scopri tutte le nostre varietà di sciroppo d’acero e le altre specialità canadesi nel nostro shop online!

Come dimagrire con lo sciroppo d’acero

Come dimagrire con lo sciroppo d’acero

Come dimagrire con lo sciroppo d’acero

Cosa vi viene in mente se diciamo “sciroppo d’acero”? Se la prima immagine a cui lo associate sono dei soffici pancake appena fatti, caldi e profumati, siete più che giustificati: l’abbinamento con i pancake è super azzeccato e tipico della migliore colazione nord-americana. Lo sciroppo d’acero va però molto al di là della colazione o di un brunch goloso: lo sapevate che è possibile dimagrire con lo sciroppo d’acero?

Questa specialità tipicamente canadese, 100% naturale, è un alimento ghiotto prima di tutto ricco di nutrienti preziosi (vitamine, minerali, antiossidanti) con effetti benefici sull’organismo. Un nutrimento che ben si adatta a una dieta dimagrante o comunque ipocalorica.

Virtù sciroppo d'acero

Grazie alla sua efficace azione depurante, diuretica e snellente, lo sciroppo d’acero è l’alleato perfetto per chi vuole perdere 2 o 3 chili, eliminare la classica pancetta o ridurre il girovita, senza sottoporsi a diete drastiche dannose per la salute.

Dimagrire con lo sciroppo d’acero è possibile agendo su più fronti:

  • È un valido sostituto dello zucchero: ha meno calorie ma un potere dolcificante superiore; è inoltre preferibile rispetto ai dolcificanti di origine artificiale;
  • Stimola la diuresi e aiuta lo smaltimento dei liquidi in eccesso;
  • Funziona da acceleratore del metabolismo: facilita la termogenesi quindi aiuta il corpo a bruciare più in fretta i grassi.

Un ottimo dolcificante ipocalorico

Lo sciroppo d’acero contiene circa 250 calorie per 100 grammi, a differenza delle 390 contenute in 100 grammi di zucchero bianco o delle 380 dello zucchero di canna. Ha un potere dolcificante superiore (circa il 25% in più rispetto allo zucchero) e un carico glicemico più basso rispetto ad altri alimenti contenenti saccarosio.

È il terzo dolcificante naturale meno calorico che esista, subito dopo stevia e melassa. Trattandosi di un prodotto ottenuto con una procedura naturale (viene ottenuto bollendo la linfa dell’acero da zucchero), il suo utilizzo è da preferire a quello dei dolcificanti artificiali quali aspartame, saccarina e sucralosio, che possono avere effetti negativi sull’organismo.

Per eliminare i liquidi in eccesso

È possibile dimagrire con lo sciroppo d’acero sfruttando anche le sue proprietà depurative e drenanti: grazie alla presenza di potassio (200 mg per 100 g, il 6% della dose giornaliera raccomandata), stimola la diuresi, aiuta a eliminare scorie e tossine così come il gonfiore e gli accumuli di liquidi interstiziali. Lo sciroppo d’acero può essere quindi un prezioso aiuto per contrastare e combattere la ritenzione idrica e gli inestetismi della cellulite.

Per verificare gli effetti diuretici non dovete fare altro che assumere un cucchiaio di sciroppo d’acero tutti i giorni, preferibilmente il mattino a digiuno, da sciogliere in un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente o calda.

Un cocktail “brucia-grassi”

Lo sciroppo d’acero è un alimento utile per energizzare, riattivare la circolazione e dare una scossa al metabolismo: infatti stimola la termogenesi, cioè il processo con cui il corpo utilizza i grassi immagazzinati come fonte di energia. Detto in parole semplici, permette all’organismo di bruciare più velocemente i grassi.

Per preparare una ottima bevanda brucia-grassi potete unire il succo di mezzo limone (oppure del succo di mela), un cucchiaio di sciroppo d’acero e un pizzico di cannella: otterrete un drink profumato e dolcemente speziato, con cui accompagnare i pasti o da bere come “spezza fame” a metà giornata.

Fonti:

“Comparative analysis of maple syrup to other natural sweeteners and evaluation of their metabolic responses in healthy rats”
https://doi.org/10.1016/j.jff.2014.10.00

“Quantitative deviating effects of maple syrup extract supplementation on the hepatic gene expression of mice fed a high-fat diet”
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27605424/

“Administration of a maple syrup extract to mitigate their hepatic inflammation induced by a high-fat diet: a transcriptome analysis”
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25982262/

 

Prova subito il nostro sciroppo d’acero: scegli quello che più fa al caso tuo dal nostro shop online!