Muffins al cocco con sciroppo d’acero

Una deliziosa ricetta, per chi ama i dolci al cocco.
L’idea è di Sara del blog “Di pasta impasta”, e già il nome ci piace un sacco.
Sono dolcetti facili e veloci da realizzare, con ingredienti semplici e facilmente reperibili. E i muffin ci piacciono sempre perché sono dolci monoporzione e molto spesso sono più pratici della classica fetta, sia per la merenda dei nostri ragazzi che per un gustoso e sano spuntino al lavoro.
E come dice Sara: “mangiare un muffin sano come questi che vi proponiamo, senza uova, burro, zucchero e lattosio, fa sentire meno in colpa… La differenza sta solo nella leggerezza.”

Sciroppo d’acero non solo per la prima colazione: ottimo anche per una merenda sana e gustosa!

Ingredienti per 8 muffin:

  • 180 g di farina tipo 2 ( oppure farina 0)
  • 30 g di farina di cocco
  • 8 g di lievito per dolci
  • 60 g di sciroppo d’acero MapleFarm
  • 170 ml di latte di cocco
  • 50 g di olio di semi di girasole
  • la punta di un cucchiaino da caffè di bicarbonato
  • una presa di sale
  • gocce di cioccolato q.b.

Preparazione

1#. In una ciotola mettere la farina, il lievito e il bicarbonato setacciati. Aggiungere la farina di cocco, il sale e mescolare il tutto.

2#. In un’altra ciotola versare il latte di cocco, lo sciroppo d’acero e l’olio.

3#. Versare un pò alla volta il composto liquido nella ciotola degli ingredienti secchi.

4#. Amalgamare il composto con una spatola o un cucchiaio, ottenendo un impasto denso e omogeneo.

5#. Preparare degli stampini o una teglia da muffins unta con olio e infarinata, altrimenti inserite all’interno di ogni foro un pirottino di carta.

6#. Riempire con il composto fino a 1 cm dal bordo e guarnire con le gocce di cioccolato.

7#. Infornare a 190°C (forno statico) per 20-25 minuti circa.

Nota
Se preferite, le gocce di cioccolato si possono mescolare anche all’interno dell’impasto.
Noi abbiamo fatto così…

Servire immediatamente.

E ora non ci resta che gustare questi deliziosi muffins al cocco con sciroppo d’acero!

Ringraziamo Sara per foto e ricetta. Altre ricette da leccarsi i baffi vi aspettano sul blog Di pasta impasta